smart-roads

Smart road: il progetto di Anas per la mobilità del futuro

3 minuti
01In cosa consiste il programma Smart Road 02Investimenti e aree interessate

Realizzare strade intelligenti per incrementare la sicurezza dei cittadini, combinando un alto tasso di tecnologia e un basso impatto ambientale: è questo l’obiettivo del progetto Smart road di Anas – Azienda Nazionale Autonoma delle Strade Statali. Ma di che si tratta esattamente?

01In cosa consiste il programma Smart Road

Il programma Smart Road Anas è orientato al miglioramento della sicurezza stradale e, con lo scopo di rendere più efficienti i flussi di traffico, si basa su una complessa piattaforma digitale che si articola sulla rete stradale come un “sistema nervoso” con il supporto delle tecnologie quali IoT (Internet of Things), AI (Artificial Intelligence), Big Data e sensoristica avanzata attraverso lo sviluppo della rete di banda ultra larga.  A pieno regime, con la Smart Road l’utente potrà godere di servizi informativi riguardanti la deviazione dei flussi di traffico nel caso di sinistri, suggerimenti di percorsi o traiettorie alternative, gestione di accessi, parcheggi e rifornimenti. In proiezione futura, diventerà la strada che ospiterà le auto a guida autonoma. Un comparto che, secondo le ultime stime del settore, elaborato da Allied Market Research, vale globalmente 54,2 miliardi di dollari. Lungo il tragitto della Smart Road, all’incirca ogni 20/30 Km, saranno ubicate le Green Island, aree al cui interno verrà distribuita energia proveniente da fonte rinnovabile, in grado di alimentare tutti i sistemi in materia autonoma, per il modulo di competenza. Oltre all’installazione di sistemi di ricarica per veicoli, in ciascuna Green Island sono previste aree di ricarica e sosta per droni, che consentiranno di monitorare il traffico stradale in punti strategici per la viabilità e permetteranno la pianificazione e la gestione efficiente dei flussi di traffico lungo l’arteria stradale.

02Investimenti e aree interessate

La statale 51 di Alemagna, il percorso che tocca Cortina d’Ampezzo, è stata la prima esperienza di Smart road: sono stati investiti complessivamente circa 27 milioni di euro su di un percorso lungo 80 chilometri che attraversa 7 centri abitati, dotandolo di 336 postazioni polifunzionali – le Green Island dove o ricaricare le auto elettriche con un’infrastruttura energetica prodotta da fonti rinnovabili – e una control room” che ha preso il posto di una vecchia casa cantoniera Bigontina a Cortina d’Ampezzo.  Oltre alla statale 51 di Alemagna, tra gli altri progetti ci sono anche l’E45 Orte-Mestre, le autostrade A90 del Grande raccordo anulare di Roma, la Roma-Fiumicino e la A2 l’autostrada del Mediterraneo. Il progetto Smart road di Anas tocca l’intera rete italiana – spiega Massimo Simonini, amministratore delegato di Anas, durante il webinar “La mobilità del futuro” organizzato dall’Osservatorio Economico e Sociale “Riparte l’Italia”: “siamo testimoni di un cambiamento radicale, una nuova concezione del settore, dove l’utente si colloca al centro di un sistema multimodale, integrato e digitale. Abbiamo in programma di investire nelle Smart road un miliardo ed è in corso una prima fase con un investimento di circa 250 milioni, anche grazie a contributi europei che hanno riconosciuto il valore innovativo del nostro piano. Questo primo step riguarda alcuni dei più importanti assi strategici del nostro Paese. Tutto il Paese sarà interessato da questa tecnologia che si sviluppa nel segno dell’ecosostenibilità e del rispetto dell’ambiente, valori da sempre al centro della mission di Anas”.

 

Promo
CVA SEMPREUGUALE

La comodità della tariffa monoraria: un prezzo che non cambia, per consumare senza vincoli di orario e senza pensieri.

vai all'offerta
mezzi-local

Viaggiare local: i mezzi di trasporto più caratteristici e sostenibili

Simboli iconici dei luoghi e soluzioni ecologiche per spostarti: ecco una lista dei veicoli da provare.
aviazione

Carburanti ecologici per gli aerei: i viaggi aziendali guidano la domanda

La decarbonizzazione del trasporto aereo può essere raggiunta grazie all’impiego di carburanti green e sforzi congiunti a livello internazionale: ecco come.