eco-autobus

Autobus “mangia smog”: il progetto pilota in Italia

2 minuti
01Il progetto pilota 02Come sono fatti gli autobus mangia smog

Autobus di servizio pubblico in grado di ridurre il livello di smog grazie a uno speciale dispositivo in grado di filtrare l’aria e di catturare i livelli di particolato presenti: è già realtà in due città italiane, Jesi e Ancona. Gli autobus “mangia smog”, realizzati grazie al progetto pilota “Purifygo”, puntano a ridurre il livello di inquinamento e di polveri sottili presenti nell’aria. Ma come sono fatti e come funzionano?

01Il progetto pilota

Il progetto “Purifygo”, che tradotto dall’inglese significa “purifica e vai”, è stato finanziato dalla Regione Marche e realizzato dalla società di trasporto pubblico Conerobus, azienda di trasporto pubblico di Ancona e provincia, in collaborazione con l’Università La Sapienza di Roma, Ansaldo Trasporti e Agt Engineering. Questa sinergia di competenze ha consentito di dotare quattro autobus di un sistema filtrante che analizza e cattura i livelli di particolato (Pm10 e Pm2.5) e di polveri sottili presenti nell’atmosfera, purificandola. Un sistema funzionante ed efficiente capace di filtrare ogni ora ben 486mila litri di aria: si calcola che, alla fine dei primi tre mesi di test, si potrebbe raggiungere la quota di 4,2 miliardi di litri di aria filtrati, con una rilevante incidenza sulla qualità dell’aria.

02Come sono fatti gli autobus mangia smog

Sui tetti degli autobus è stato installato il dispositivo Hardust, un cassonetto in alluminio che contiene due gruppi di due filtri indipendenti, ciascuno indirizzato alla raccolta delle Pm10 e delle finissime Pm 2.5.  Nel complesso, filtra 486mila litri d’aria all’ora. Sui bus sono stati attivati due rilevatori di dati che, attraverso schede Sim, inviano quotidianamente a un Centro di controllo della Sapienza i principali parametri: per ogni eventuale superamento della soglia limite di particolato nell’aria spediscono un sms di allerta. Ogni quindici giorni, poi, l’università Sapienza invia un rapporto analitico a Conerobus: a fine sperimentazione i diversi filtri verranno estratti per verificare quale sistema tecnologico si sia rivelato più efficiente nel rapporto tra il particolato catturato, la quantità di aria trattata, il costo e il tempo di saturazione.

Promo
CVA SCEGLITU WEEK

L'energia verde in una tariffa bioraria e uno sconto del 30%. E quando applicarlo lo sceglitu! Consumi di più nelle ore lavorative? Questa è l’opzione che fa per te.

vai all'offerta

Car sharing elettrico: cos’è e perché è sostenibile?

Il car sharing è una strategia efficace per ridurre il traffico e l'inquinamento in città, se è elettrico ancor di più: ecco perché.
risparmio-auto-elettrica

Risparmiare con l’auto elettrica: l’indagine dell’Organizzazione europea dei consumatori

L'auto elettrica conviene? Uno studio mostra quanto si risparmia, a parità di chilometri percorsi, con un'auto green rispetto a una vettura diesel o benzina.