Certificazioni_ISO

L’importanza del rapporto azienda-natura: come ottenere la certificazione ISO 14001 di gestione ambientale

6 minuti
01Cos’è la certificazione 14001 e perché è diventata importante per le PMI 02Quali aziende possono certificarsi ISO 14001 e i vantaggi 03Come ottenere un sistema di certificazione ambientale ISO 14001

Ridurre l’impatto ambientale è diventato un obiettivo perseguito e condiviso dalle aziende di tutto il mondo, che concordano sull’importanza di integrare la tutela dell’ambiente nella pianificazione delle loro strategie.

Ogni Paese percepisce un determinato rischio per l’ambiente come più rilevante rispetto ad altri: se a preoccuparci in Europa è soprattutto il consumo di risorse energetiche non rinnovabili (con Paesi Bassi, Norvegia e Svezia particolarmente attenti al rischio connesso alle emissioni di CO2), in Nord America invece temono le problematiche relative allo smaltimento dei rifiuti tossici e in India quelle legate alla scarsità delle risorse idriche.

Questo rebus di timori e preoccupazioni globale riguarda soprattutto il comparto industriale, che incide ancora pesantemente sull’ambiente in termini di inquinamento e rifiuti prodotti.

Tuttavia negli ultimi anni sono stati registrati netti miglioramenti grazie alla certificazione ambientale. Il rispetto di leggi e normative è uno dei motivi principali che spinge le aziende ad intraprendere iniziative di salvaguardia ambientale, ma oggi sono soprattutto i consumatori a chiedere alle imprese di impegnarsi nella sostenibilità premiandole rispetto a competitor meno green. Ecco che allora diventa fondamentale per l’azienda, non solo trasmettere i suoi eco-valori attraverso campagne di comunicazione, ma documentare tale impegno attraverso la certificazione.

01Cos’è la certificazione 14001 e perché è diventata importante per le PMI

Quando si parla di certificazione 14001 si intende quello standard di gestione ambientale che minimizza l’impatto sul territorio ed esige lo sviluppo di progetti mirati al miglioramento del rapporto azienda-natura.

Oggi è sempre più diffusa l’idea che migliorare l’intero ciclo produttivo e le attività ad esso connesse porti un vantaggio anche competitivo per l’azienda, ne rafforzi il brand e i valori che rappresenta. Ma è importante attuare misure sostenibili in tutte le fasi della catena: produzione, imballaggio, trasporto, utilizzo e riciclo. Senza tralasciare nulla.

Sono tanti i comportamenti virtuosi che caratterizzano un’azienda sostenibile: il controllo delle emissioni di gas climalteranti; la riduzione di sprechi di energia, risorse idriche e materie prime; la diminuzione dell’uso di plastica, carta e altri materiali difficili da smaltire;  la corretta gestione dei rifiuti; maggiore digitalizzazione nei processi produttivi e logistici; la sensibilizzazione sui temi di politica ambientale a tutti i dipendenti dell’azienda.

Le imprese che si impegnano ad attuare questi principi pongono la correttezza ambientale e la sicurezza delle attività produttive industriali come pre-condizione per ogni business.

E oggi, ridurre l’impatto sull’ambiente sta diventando prerogativa di un numero sempre più ampio di aziende che decidono di adottare un sistema di gestione ambientale e di certificarsi secondo la norma ISO 14001.

Questo impegno non riguarda solo le grandi aziende, ma anche le piccole e medie imprese che stanno dimostrando una maggiore sensibilità per la tutela ambientale attraverso l’adesione volontaria alla norma ISO 14001.

Attraverso questa certificazione riconosciuta a livello internazionale, l’azienda stabilisce di attuare e migliorare il proprio sistema di gestione ambientale attuando una serie di attività che garantiscono: la conformità alle norme di legge, l’efficacia e l’efficienza della gestione ambientale, interventi di miglioramento attraverso il monitoraggio dei risultati ambientali in materia di territorio.

02Quali aziende possono certificarsi ISO 14001 e i vantaggi

È importante sapere che la certificazione 14001 può essere adottata da qualsiasi tipo di impresa, senza nessun tipo di differenza tra aziende manifatturiere o di servizi. Infatti la ISO 14001 non è una certificazione di prodotto, dato che gli aspetti ambientali da prendere in considerazione sono di tipo sia diretto (ad esempio l’emissione in atmosfera) che di tipo indiretto (in che modo un’azienda indirizza i comportamenti dei propri fornitori o dei propri clienti).

Oltre a migliorare la reputazione aziendale, la certificazione consente all’azienda di ridurre i rischi ambientali limitando la possibilità di sanzioni penali e amministrative per incidenti ambientali. Questo consente alle imprese di ottenere una riduzione dei premi assicurativi e delle garanzie finanziarie che devono essere prestate per l’avvio di specifiche attività.

Senza tralasciare che la certificazione migliora la garanzia di continuità della fornitura con aziende partner che si sentono maggiormente garantite da eventuali interruzioni per il non rispetto di normative ambientali.

Altro aspetto di rilievo è che le aziende certificate ISO 14001 hanno accesso a specifici finanziamenti pubblici.

Per finire, le aziende certificate ISO 14001 detengono una posizione di rilievo nel mercato e propongono una gamma di prodotti maggiormente commerciabili grazie alla presenza del marchio ISO 14001 sui documenti aziendali.

03Come ottenere un sistema di certificazione ambientale ISO 14001

Se un’azienda decide di ottenere una certificazione ambientale ISO 14001 deve prima di tutto avviare un iter che parta dall’analisi dei propri processi interni.

Prende così il via la fase uno, quella dell’Audit ISO 14001 che permette di studiare la documentazione relativa al sistema di gestione ambientale e di familiarizzare con le specificità dell’attività da certificare.

Quest’analisi approfondita consente la stesura della modulistica che comprende i costi, la pianificazione e la tempistica che supporterà il sistema di gestione ambientale. È in questo momento che vengono anche individuati specifici strumenti in base al settore operativo aziendale.

Si passa poi al secondo step, che non deve mai essere sottovalutato e consiste nella formazione del personale dipendente coinvolto nelle attività. Deve essere comunicato in modo chiaro quali sono le funzioni e le responsabilità di ogni lavoratore sul sistema di gestione ambientale.

L’iter si conclude con la terza fase nella quale l’azienda richiede la verifica delle procedure da parte dell’ente di certificazione. Si tratta di organismi riconosciuti dalla IAF, International Accreditation Forum, un’associazione internazionale che riunisce organismi nazionali di accreditamento di 49 nazioni.

Come si articola la procedura di verifica? Un organismo terzo autorizzato attua prima una verifica a livello legislativo, poi effettua una verifica pratica all’interno dell’azienda per controllare che vengano rispettate tutte le procedure stabilite. A volte l’ente certificatore propone delle azioni correttive: se non vengono segnalate conformità rilevanti, viene deliberato il rilascio della certificazione e l’azienda può ottenere la ISO 14001. Nel corso di questo periodo si dovranno svolgere audit semestrali o annuali. Allo scadere del triennio, l’azienda deve richiedere un nuovo audit per il rinnovo della certificazione.

Promo
CVA SEMPREGREEN

L’offerta per pagare l’energia al prezzo all’ingrosso e rendere più sostenibile la tua casa consumando solo energia verde certificata.

vai all'offerta

Comunicare la sostenibilità per creare valore: how to

Ambiente, etica e sostenibilità rafforzano la reputazione aziendale e migliorano il pianeta. Ecco alcune indicazioni per comunicarla in modo efficace.

Energia sostenibile e rinnovabile: protagonista al Salone del CSR e dell’innovazione sociale

Nel corso della manifestazione sono emerse le criticità che devono essere affrontate per migliorare il sistema energetico italiano: autorizzazioni più rapide e maggiori investimenti.